Lettori fissi

martedì 19 febbraio 2013

DIETA GLUTEN FREE.....



Questa e una Notizia del 9 febbraio 2013  che riguarda le persone celiache...o che credono di esserlo.


L’Associazione italiana Celiachia (Aic) lancia l’allarme: troppe persone iniziano una dieta senza glutine, senza essere intolleranti, convinti che gli alimenti per i celiaci aiutino a dimagrire. L’Associazione mette in guardia dal rischio di far diventare una moda quello che per altri è una malattia.
L’allarme nasce da un controllo effettuato sugli incassi del 2012 delle aziende che producono alimenti senza glutine. E’ emerso che un terzo dei 237 milioni di euro guadagnati erano stati acquistati senza il buono fornito dalla Asl agli intolleranti. Le ipotesi in gioco sono tre: potrebbe trattarsi di celiaci che hanno superato la spesa mensile o di persone sensibili al glutine ma non intolleranti o, infine, parte dei nuovi seguaci della dieta gluten free, seguita tra gli altri da vip come Russel Crowe e Gwyneth Paltrow.
Un recente sondaggio statunitense ha dimostrato che il 35% degli americani crede che gli alimenti senza glutine siano più sani e, quindi, più adatti per una dieta. “Seicentomila famiglie italiane hanno comprato almeno un alimento gluten free senza che ci sia la patologia di mezzo”, spiega Caterina Pilo, direttore generale di Aic, “un fenomeno preoccupante e che nasce dalla credenza sbagliata, indotta da vip e starlette, che questo regime dietetico sia adatto a tutti, più leggero o addirittura dimagrante”.
A farne le spese potrebbero essere i malati stessi, che rischiano di perdere le garanzie di qualità dei prodotti, sottoposti a controlli precisi, e le tutele che ora vengono garantite dal Sistema sanitario nazionale.

I celiaci in Italia sono 600 mila, uno su 100. Si calcola che però solo 100 mila sappiano di esserlo effettivamente. La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, che è presente in alimenti come avena, frumento, farro, kamut, orzo e segale. L’ingestione di questi alimenti causa in un celiaco una reazione dei linfociti T, cellule del sistema immunitario, che all’arrivo del glutine nell’intestino tenue si attivano e attaccano quello che registrano come un elemento pericoloso, finendo con il danneggiare alla lunga la muscosa intestinale, portando a una difficoltà ad assorbire gli elementi nutrientidegli alimenti.
Come riconoscere la celiachia? Spesso si manifesta da bambini al momento dell’introduzione del glutine. Possono esserci episodi ripetuti di diarrea, vomito, fino all’anoressia, o causare un arresto della crescita o un calo ponderale, ma anche sbalzi d’umore e irritabilità. Nei soggetti adulti invece può manifestarsi in qualunque momento, spesso come conseguenza di eventi tipo la gravidanza o un intervento chirurgico. I sintomi possono essere vari come diarrea o perdita di peso, carenze vitaminiche e sali minerali, crampi. Spesso sono presenti anche disturbi dell’umore o stati d’ansia chescompaiono una volta scoperto il problema e cambiata la dieta. Il sito dell’Aic è un punto di riferimento per chi si è avvicinato alla malattia da poco o per chiunque volesse saperne di più: www.celiachia.it.
Sono in corso ricerche su farmaci e vaccini che potrebbero risolvere questo problema e permettere ai celiaci di reintegrare gli alimenti......
Spero di non avervi annoiata ma di aver dato qualche notizia 
utile ....buona serata....

10 commenti:

  1. ciao sorellina! e come sempre dai ottimi consigli!

    RispondiElimina
  2. Ottimi consigli!!! grazie davvero :-)

    RispondiElimina
  3. davvero un post utilissimo...grazie ^^

    RispondiElimina
  4. Ciao! Eccomi qua come promesso. Grazie per avermi fatto conoscere il tuo blog. Passerò a trovarti ancora molto volentieri :-) E poi trovo molto interessanti le tue ricette perché ho molto amici celiaci ed è sempre bello poter accontentare tutti a tavola :-) buon we!

    RispondiElimina
  5. Certo che sei stata utile, brava Anna! Essere informati è importante.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  6. Grazie..delle info.
    T aspetto da me cara...oggi ben 3 ricettine:)

    RispondiElimina
  7. Spero proprio che i ricercatori trovino delle cure per questa patologia.

    RispondiElimina
  8. ciao Anna se passi da me ce una sorpresa per te...
    baci
    Nunzia

    RispondiElimina